Pronto a partire per il suo luogo di lavoro “a due passi dalle nuvole”, il guardiano della grande diga ricorda con affetto la storia della valle dove è nato. Un canto d’amore appassionato attraverso lo scorrere dei ricordi per la bellezza di quei luoghi che sembravano destinati all’abbandono definitivo senza il nuovo impulso dato dalla costruzione della centrale Edison. La forza del legame con una società fatta di gesti e tradizioni che vanno scomparendo si riassume nelle parole di presentazione del protagonista: “la storia della mia vita è la storia del mio amore per la valle”.

Regia di Ermanno Olmi, 1955

– Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, Fondo Edison