Scienze naturali

ISAIA_progetto2-museotazzetti

La sezione dedicata alle Scienze Naturali conserva una ricca collezione faunistica, una raccolta di piante erbacee autoctone e una serie di riproduzioni tridimensionali di funghi.

RACCOLTA FAUNISTICA

La raccolta faunistica comprende preparazioni tassidermiche di mammiferi, uccelli, rettili e molluschi tipici alpini, in particolare 92 individui di 69 specie di uccelli stanziali e di passo nelle Valli di Lanzo e 25 individui di 13 specie di Mammiferi tipici dell’area alpina. Essa è costituita essenzialmente dalla collezione ‘Emanuele Bona’, ulteriormente incrementata grazie all’associazione Amici del Museo Civico e a donazioni di privati.

Collezione  “Emanuele Bona”
La collezione «Emanuele Bona» – nata come raccolta privata costituitasi nel corso di un trentennio, tra gli anni ’50 e ’80 del XX secolo – è pervenuta al Museo nel 2004 a seguito di una donazione da parte degli eredi del collezionista a favore di Alberto Tazzetti. Prima di essere immessi nel Museo, i materiali sono stati sottoposti a restauro, curato dell’associazione Amici del Museo Civico.

In Emanuele Bona (1909-1994), industriale laniero torinese di origini biellesi, la passione collezionistica nacque dalla pratica dell’attività venatoria e dell’etologia, con un particolare interesse per la registrazione del canto degli uccelli. Amante della regione e del dialetto piemontesi, cinofilo e grande camminatore, ereditò la passione del tiro con il fucile dal padre, campione nazionale di tiro a segno. Attivo soprattutto nelle Alpi Occidentali, in Maremma, nel Delta del Po e all’estero (Belgio, Jugoslavia, Polonia), era membro del Conseil International de la Chasse (CIC). L’amore per la pesca sportiva lo portava a frequentare l’ussegliese Lago di Malciaussia insieme con l’amico Arnaldo Tazzetti, a cui è intitolato il nostro Museo.

L’ERBARIO

Una collezione di piante o di parti di piante essiccate e pressate accuratamente, identificate e classificate scientificamente si definisce erbario. Attualmente il termine erbario indica sia una raccolta di piante essiccate (exiccata), sia una struttura museale dedicata alla raccolta completa e sistematica delle specie, opportunamente ordinate in modo da poter essere conservate e consultate.

La raccolta presente nel Museo Civico di Usseglio fu iniziata nel 1992 per studi botanici e successivamente prestata al Museo. Essa comprende 100 esemplari di piante erbacee raccolte per lo più nel pianoro di Usseglio: si tratta di piante comuni spesso usate sia nella cucina locale sia come medicamento. Alcune specie provengono invece da più alta quota: come la stella alpina (Leontopodium alpinum) o il Genepy (Artemisia genepy).

Gli esemplari, esposti a rotazione all’ultimo piano del Museo, forniscono una panoramica del paesaggio erbaceo dell’alta Valle di Viù (1265 ÷ 2000 metri).