Sentiero dell’Arte

1 / Piccolo edificio in stile romanico di forma semplice, costituito da un presbiterio quadrato, al quale fu aggiunto un atrio. È l’unica chiesa delle Valli di Lanzo dedicata a
Continua
2 / Costruita nel 1546 e inglobata a fine Ottocento nella Piccola Casa della Divina Provvidenza, la cappella custodisce pregevoli affreschi.
Continua
3 / Riedificata tra il 1689 e il 1701 in stile barocco piemontese sopra la precedente costruzione trecentesca, la Chiesa Parrocchiale è stata decorata nella seconda parte dell’Ottocento dal pittore
Continua
4 / La cappella, a quota 1377 m, è posta lungo un itinerario alpino di una certa rilevanza già in epoca medioevale.
Continua
5 / Insieme ad altre dimore storiche della zona, la villa testimonia il periodo di maggior splendore della villeggiatura valligiana.
Continua
6 / Attigua posteriormente alla Chiesa Parrocchiale, la cappella è già citata in un documento del 1594.
Continua
7 / Il XIX secolo fu per i Tornetti un fiorente periodo di villeggiatura: si costruirono bellissime dimore, come le ville Scioldo, Pastore - Re, Govean, Neuschüler, Roatta, Vassallo e
Continua
8 / Palazzina barocca che appartenne alle famiglie Catocchio, Schiari e Grana e che la tradizione, non documentata, vuole edificata su progetto di Filippo Juvarra.
Continua
9 / La frazione di Col San Giovanni è stata Comune autonomo fino al 1928.
Continua
10 / Il parco già di Villa Franchetti, ornato nell’Ottocento da sculture poi disperse, ospita la piccola collezione comunale di scultura contemporanea.
Continua
11 / La facciata della cappella è decorata da un affresco di Marcolino Gandini (Torino, 1937 - Roma, 2012), pittore di adozione viucese.
Continua
12 / Fu edificato nel 1924-25 da Giuseppe Cibrario Tachin (1883-1964), che aveva maturato la passione per la ristorazione lavorando in un ristorante del fondovalle.
Continua
13 / Costruito nel 1910-11 da Domenico Cibrario Ruscat, detto Minela, e dal figlio Felice, era dotato di ogni comfort e frequentato dalla nobiltà e dalla borghesia torinese e genovese
Continua
14 / Il pittore Cesare Ferro Milone (Torino, 1880-1934), di famiglia ussegliese, fu presidente dell’Accademia Albertina di Torino e ritrattista della borghesia torinese.
Continua